Trekking da Masseria Jesce al Pisciulo e ritorno – Peppino Maiullari

a cura di Filippo Tito

Scroll this

Percorso trekking ad anello di 9 km circa, con partenza e arrivo dalla Masseria Jesce, residenza artistica gestita da un’Associazione teatrale Ferula Ferita, fondata da Donato Laborante.

Questo trekking è tutto su terreni privati, può quindi essere effettuato solo a seguito di una guida che gestisce i rapporti con i proprietari (chiedete pure a Donato Laborante un tour privato).

Prima di partire col trekking vi consigliamo di visitare l’antica Masseria Jesce con le sue grotte affrescate (opere di arte bizantina) segno dell’importanza spirituale di questo luogo collocato lungo il tracciato dell’Antica Via Appia.

Attigua a questa masseria c’è la casa di Peppino, il pastore protagonista del documentario realizzato all’interno del nostro progetto dal regista Francesco Dongiovanni; Peppino è una persona buona con un sincero sorriso ma di poche parole, dedito al duro lavoro dei campi e dell’allevamento, leggerete nel suo sguardo la serenità di chi vive ancora oggi seguendo i ritmi della natura.

Lungo il percorso trekking visiterete l’affascinante Villaggio Rupestre del Pisciulo, che prende il nome dal torrente che scorre proprio sul fondo dell’omonima lama che ospita le grotte. Quest’ultime si trovano su uno dei due spalloni della lama stessa, su più livelli, ed alcune di esse sono di dimensioni veramente importanti, utilizzate con continuità dall’antichità fino ai tempi più recenti come ricovero per le greggi.

Nelle vicinanze delle grotte ancora visibili i resti di un insediamento su palafitta (visibili ancora i buchi nella roccia per l’alloggiamento dei pali), dell’Età del Ferro (VIII-VI sec.a.C.), con tre tombe collettive a grotticella.

P.S.: Quali soggetti promotori del progetto Monumenti Umani non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali problemi che possono presentarsi ai fruitori durante le attività escursionistiche sui tracciati consigliati.